Iscriviti alla newsletter
Gli argomenti piĆ¹ ricercati

Informazioni

Contribuzione

Ogni lavoratore associato a Cometa ha una propria posizione individuale in cui confluiscono tutti i contributi versati:

TFR (trattamento di Fine Rapporto).

La percentuale di versamento dipende dalla prima occupazione del lavoratore:

  • 100% Se la prima occupazione è successiva al 28/04/1993.
     
  • A scelta tra il 40% e il 100% Se la prima occupazione è precedente al 28/04/1993

La decisione di destinare il Tfr a Cometa non è reversibile salvo nel caso in cui si riscatti totalmente la posizione.

Cosa accade se si sceglie di richiedere il Tfr in busta paga?
Assofondipensione, l’associazione di categoria dei Fondi pensione negoziali, ha predisposto un portale con tutte le informazioni utili sul Tfr in busta paga.

Clicca qui e vai al portale

Contributo individuale e del datore di lavoro:

Il lavoratore può scegliere di versare, oltre al Tfr, un contributo individuale, calcolato come percentuale dello stipendio (calcolato in base al valore cumulato di minimi, contingenza, EDR, indennità di funzione quadri ed elemento retributivo per la 7^ categoria).
Il contributo è trattenuto mensilmente in busta paga e versato periodicamente a Cometa.
La percentuale del contributo può essere liberamente scelta dal lavoratore. Se è almeno pari alla percentuale minima stabilita dagli accordi, avrà diritto anche al contributo aggiuntivo del datore di lavoro.
I lavoratori possono optare per tre differenti percentuali minime di contributo:

  • 1,2% (per gli apprendisti 1,5%)ricevendo un contributo da parte dell'azienda di pari importo.
     
  • 1,4% ricevendo un contributo da parte dell'azienda di pari importo. (opzione non esercitabile degli apprendisti)
     
  • 1,6% ricevendo un contributo da parte dell'azienda di pari importo.(opzione esercitabile dagli apprendisti)

Il contributo è versato direttamente dal datore di lavoro a Cometa e può essere verificato mensilmente in busta paga.

Contributi volontari

Oltre ai versamenti individuali e del datore di lavoro, l'aderente può effettuare anche versamenti volontari tramite bonifico bancario.
A differenza del Tfr, dei contributi individuali e del datore di lavoro, questa tipologia di versamento può proseguire anche oltre il raggiungimento dell'età pensionabile, a condizione che l'aderente abbia almeno un anno di contribuzione a favore di forme di previdenza complementare.

Familiari fiscalmente a carico

I familiari fiscalmente a carico, come i lavoratori iscritti a Cometa,  hanno una propria posizione individuale in cui confluiscono tutte le somme versate.
La contribuzione non prevede né il versamento del Tfr né il contributo dell’azienda. Il lavoratore e, se maggiorenne, il familiare fiscalmente a carico, possono decidere liberamente importi e tempi  dei versamenti, che dovranno essere effettuati da uno dei due soggetti tramite bonifico bancario.
Per maggiori informazioni sulle modalità di adesione e di gestione della posizione del fiscalmente a carico, scarica il Regolamento.

I contributi versati a Cometa permettono di pagare meno tasse

Ogni anno, nella dichiarazione dei redditi, i contributi individuali, quelli del datore di lavoro e i contributi volontari sono deducibili dal reddito fino al valore di 5.164,57 €. Nel calcolo del limite non deve essere considerato il  TFR, che sarà tassato al momento del pensionamento.
I contributi che transitano in busta paga (individuali e del datore) saranno automaticamente dedotti dal reddito imponibile ai fini IRPEF.
I contributi volontari versati entro il 31 dicembre di ogni anno, saranno riepilogati in una certificazione che il Fondo invierà all’iscritto entro il mese di marzo, in modo da poterla presentare in fase di dichiarazione dei redditi.

Calcola il vantaggio fiscale che potresti ottenere grazie alla deducibilità dei contributi.