Iscriviti alla newsletter
Gli argomenti piĆ¹ ricercati

Domande e risposte

Con quali contributi viene alimentata la mia posizione in Cometa?

L'iscritto forma la sua posizione individuale presso Cometa mediante il conferimento:

  • Del TFR (trattamento di fine rapporto) (Quota minima 100% TFR per i lavoratori occupati dopo il 28.04.1993; 40% o 100% TFR per i lavoratori già occupati al 28.04.1993);
     
  • Del contributo individuale prelevato mensilmente dallo stipendio;
     
  • Della contribuzione a carico del datore di lavoro calcolata sulla paga base EDR.

Sono previste misure di contribuzione minima sia per il TFR che per il contributo individuale e del datore di lavoro. Il solo conferimento del TFR causa la perdita del contributo a carico del datore di lavoro.

Le misure della contribuzione minima sono indicate nella Sezione Informazioni del sito o sulla Nota Informativa.

 

Chi stabilisce la contribuzione dovuta a Cometa?

Fermo restando il contributo minimo a carico del lavoratore per avere diritto a quello del datore, il lavoratore può fissare liberamente una misura maggiore di contribuzione individuale.

Qual è la percentuale relativa al contributo individuale?

La percentuale minima di contribuzione è pari all'1,2% da calcolarsi sulla retribuzione convenzionale. Tale percentuale è elevata a 1,5% per gli apprendisti.
I lavoratori possono optare inoltre per:

  1. Un contributo pari all’1,4% (opzione non esercitabile dagli apprendisti) sulla retribuzione convenzionale + EDR, beneficiando di un contributo di pari importo a carico dell’azienda
  2. Un contributo pari all’1,6% sulla retribuzione convenzionale + EDR, beneficiando di un contributo di pari importo a carico dell’azienda (opzione esercitabile dagli apprendisti)

Fermo restando il contributo minimo a carico del lavoratore per avere diritto al contributo del datore di lavoro, il lavoratore può fissare liberamente una percentuale maggiore di contribuzione. La misura della contribuzione è scelta dal lavoratore al momento dell'adesione e può essere successivamente variata.

Qual è la percentuale relativa al contributo dell’ azienda?

Se un lavoratore versa il contributo minimo a suo carico ha diritto ad un contributo da parte dell’azienda del 1,2% elevato a 1,5% per gli apprendisti da calcolarsi sulla retribuzione convenzionale.
I lavoratori possono optare inoltre per:

  1. Un contributo pari all’1,4% (opzione non esercitabile dagli apprendisti) sulla retribuzione convenzionale + EDR, beneficiando di un contributo di pari importo a carico dell’azienda
  2. Un contributo pari all’1,6% sulla retribuzione convenzionale + EDR, beneficiando di un contributo di pari importo a carico dell’azienda (opzione esercitabile dagli apprendisti)
Cosa è l’EDR?

L’elemento distinto della retribuzione. È uno degli elementi che formano la retribuzione di base e corrisponde ad una somma pari ad € 10,33 che viene erogata ogni mese e per tredici mensilità a tutti i lavoratori che operano nel settore privato, senza distinzione di qualifica (salva l’eccezione dei dirigenti) e senza distinzione fra contratti collettivi applicati.

Ho sempre diritto al contributo dell’azienda?

No. Hanno diritto al contributo dell’azienda solo i lavoratori che decidono di versare la percentuale di contributi individuali pari almeno a quelli stabiliti dalla contrattazione collettiva:

  1. Un contributo pari all’1,2% elevato a 1,5% per gli apprendisti da calcolarsi sulla retribuzione convenzionale.
  2. Un contributo pari all’1,4% (opzione non esercitabile dagli apprendisti) sulla retribuzione convenzionale + EDR
  3. Un contributo pari all’1,6% sulla retribuzione convenzionale + EDR

 

Ogni quanto l’aderente vede le trattenute in busta paga?

Ogni mese l'azienda trattiene al lavoratore il contributo individuale indicando in busta paga l'importo che sarà versato a Cometa. Nella busta paga il lavoratore vede indicata anche la quota TFR.
Tali contributi saranno versati ogni tre mesi dall'azienda a Cometa.

È possibile versare un contributo volontario oltre a quelli trattenuti mensilmente in busta paga?

Si, è possibile.  L'aderente può contribuire a Cometa anche mediante versamenti volontari oltre a quelli trattenuti mensilmente in busta paga.

Posso effettuare una contribuzione volontaria quando voglio oppure devo rispettare delle tempistiche?

La contribuzione volontaria aggiuntiva può essere effettuata dall'aderente in qualsiasi momento.

Cosa devo fare per versare un contributo volontario?

Per versare un contributo volontario l'aderente dovrà ogni volta

Al momento della ricezione del modulo di attivazione, Cometa invierà all'indirizzo indicato sul modulo, una lettera contenente le indicazioni necessarie per poter procedere al versamento della somma stabilita dall'aderente.

 

I contributi volontari sono deducibili dal reddito?

I contributi versati volontariamente sono deducibili dal reddito complessivo. Tali contributi assieme a quelli versati tramite l’azienda (sia i propri che quelli del datore) sono deducibili fino ad un massimo di € 5.164,57.

Come posso verificare che i contributi volontari siano stati versati sulla mia posizione individuale?

L'importo versato verrà contabilizzato nella posizione personale e verranno acquistate nuove quote con i valori di quota relativi al comparto scelto dall'aderente. L’aderente può verificare tali operazioni nell' area riservata Cometamatica.

Inoltre, agli aderenti che hanno versato il contributo volontario, entro il mese di marzo dell'anno successivo il versamento, il Fondo invierà una dichiarazione che certificherà l'importo versato. Tale certificazione dovrà essere presentata in fase di dichiarazione dei redditi, per poter dedurre i contributi volontari dal reddito complessivo.

Che cosa deve fare l’aderente se cambia azienda e vuole continuare la contribuzione a Cometa?

Se la nuova azienda applica il CCNL compatibile all'iscrizione, il lavoratore può mantenere la sua posizione continuando a contribuire dopo la compilazione di una nuova domanda di adesione specificando di essere un lavoratore già aderente a Cometa, barrando la casella “Sì”, in corrispondenza della affermazione: “di avere già una posizione aperta presso Cometa”. In tal caso non dovrà essere pagata nuovamente la quota di iscrizione.

Che cosa deve fare l’aderente se vuole sospendere o variare la contribuzione a Cometa?

L'aderente ha facoltà di sospendere la contribuzione individuale, compilando il modulo di variazione dell’aliquota contributiva, indicando 0% nella apposita sezione.

In questo caso non avrà più diritto al contributi del datore di lavoro. Resta fermo il versamento del TFR maturando al Fondo, che non è possibile sospendere se non nel caso di richiesta di erogazione del TFR in busta paga.
È possibile riattivare la contribuzione in qualsiasi momento compilando nuovamente il modulo di variazione dell’aliquota contributiva con l’indicazione della percentuale che desidera versare.

 

Come può essere variata la percentuale di contribuzione individuale a carico del lavoratore?

L'aderente deve comunicare con l'apposito modulo la sua volontà di variare la percentuale contributiva alla sua azienda. Non deve inviare nessun modulo al Fondo ma sarà l'azienda che attraverso la distinta contributiva del primo trimestre dell'anno successivo comunicherà al Fondo tale variazione.

La percentuale di contribuzione individuale a carico del lavoratore può essere variata in qualsiasi momento?

No. Le richieste di variazione dovranno pervenire nelle due seguenti “finestre”:

  • Entro il 31 maggio con efficacia dal 1° luglio
     
  • Entro il 30 novembre con efficacia dal 1° gennaio dell'anno successivo
Qual è la percentuale minima relativa alla quota Tfr?

Le percentuali minime sono:

  • 100% del TFR maturato nell'anno per i lavoratori con prima occupazione successiva al 28/04/1993 e per i lavoratori che hanno aderito con silenzio assenso
     
  • 40% del TFR maturato nell'anno per i lavoratori con prima occupazione antecedente al 28/04/1993 (in alternativa è possibile versare il 100%)
Come può essere variata la percentuale di destinazione del TFR dal 40% al 100%?

I lavoratori di prima occupazione antecedente al 29 aprile 1993, che in fase di adesione a Cometa hanno scelto di versare il 40% del TFR maturando, possono in qualsiasi momento variare la percentuale passando al 100% compilando il modulo per la variazione della percentuale di TFR e portandolo in azienda.

Posso versare a Cometa anche il Tfr maturato prima dell’adesione?

Al lavoratore è data la possibilità di versare nella sua posizione anche il Tfr maturato prima dell’adesione a Cometa, a condizione che l’azienda acconsenta a tale operazione.

Cosa devo fare se i contributi versati, ad esclusione del Tfr, eccedono € 5.164,57?

Se la somma dei contributi versati nel corso dell’anno dal lavoratore e dall’azienda (ad esclusione del Tfr), è superiore a € 5.164,57, per evitare che l’importo sia tassato anche al momento dell’erogazione della prestazione, occorre comunicare a Cometa l’importo dei contributi non dedotti, scaricando il modulo e inviandolo per posta a Cometa entro il 31 dicembre dell'anno successivo a quello in cui è avvenuto il versamento.

Quanti e quali sono i contributi da versare a Cometa?

La contribuzione che l’azienda versa a Cometa è composta da:

  • TFR (trattamento di fine rapporto) (Quota minima 100% TFR per i lavoratori occupati dopo il 28.04.1993; 40% o 100% TFR per i lavoratori già occupati al 28.04.1993);
     
  • Contributo individuale prelevato mensilmente dallo stipendio;
     
  • Contribuzione a carico del datore di lavoro calcolata sulla paga base EDR

Il TFR deve essere versato per tutti i lavoratori iscritti a Cometa (compresi i silenti), ad esclusione di coloro i quali abbiano richiesto il Tfr in busta paga.

Il contributo individuale deve essere prelevato mensilmente dallo stipendio, nella percentuale indicata dal lavoratore nel modulo di adesione a Cometa o in quello di variazione dell’aliquota contributiva.

Il contributo a carico del datore di lavoro è dovuto nel caso in cui il lavoratore versi il contributo individuale minimo previsto dalla contrattazione collettiva.
Con la prima contribuzione è dovuta anche la quota di iscrizione per tutti gli aderenti taciti ed espliciti e che non risultino già iscritti a Cometa secondo la seguente tabella:

QUOTA DI ISCRIZIONE
  DIPENDENTE AZIENDA
Aderente con TFR + Contributi € 5.16
versamento aggiuntivo
€ 5.16
versamento aggiuntivo
Aderente con solo TFR € 5.16
versamento aggiuntivo
€ 5.16
versamento aggiuntivo
Aderente SILENTE € 5.16
versamento aggiuntivo
€ 5.16
versamento aggiuntivo
Nuovo dipendente già
iscritto a Cometa
NO NO
Dipendente già iscritto
che conferisce parte
residua di TFR
NO NO

 

Quali sono le percentuali contributive minime?

Se un lavoratore versa il contributo minimo a suo carico ha diritto ad un contributo da parte dell’azienda del 1,2% elevato a 1,5% per gli apprendisti da calcolarsi sulla retribuzione convenzionale.

I lavoratori possono optare inoltre per:

  • Un contributo pari all’1,4% (opzione non esercitabile dagli apprendisti) sulla retribuzione convenzionale + EDR, beneficiando di un contributo di pari importo a carico dell’azienda
     
  • Un contributo pari all’1,6% sulla retribuzione convenzionale + EDR, beneficiando di un contributo di pari importo a carico dell’azienda (opzione esercitabile dagli apprendisti)
Come si contribuisce a Cometa?

L'azienda effettua trimestralmente il bonifico dei contributi trattenuti mensilmente ai lavoratori e presenta una distinta di contribuzione che specifica la suddivisione nelle voci contributive (parte aderente, parte azienda e parte TFR) per ogni aderente.

Quali sono le finestre contributive per le aziende?

Scarica le tabelle con tutte le scadenze e le casistiche per la contribuzione delle aziende.

Come si calcolano i contributi in caso di CIG?

Scarica il prospetto: Contributi in caso di cig

Come deve calcolare i contributi l'azienda?

Scarica la tabella per il calcolo dei contributi e le casistiche particolari

Come si calcolano i contributi in caso di Maternità?

Scarica il prospetto: Contributi in caso di maternità

Quali sono le scadenze per il versamento dei contributi a Cometa?

La contribuzione deve essere versata trimestralmente, con data valuta entro il giorno 20 del mese successivo al trimestre cui si riferisce la contribuzione:

Trimestre di riferimento  Scadenza versamento
gennaio / febbraio / marzo 20 aprile
aprile / maggio / giugno 20 luglio
luglio / agosto / settembre  20 ottobre
ottobre / novembre / dicembre 20 gennaio


   
    
    
   
    

Quale è la procedura che l’azienda deve seguire per versare i contributi a Cometa?

L'azienda deve effettuare il bonifico sul conto corrente intestato a Cometa con
IBAN: IT62M0347901600000800842200
Indicando nella causale di bonifico quanto segue:  Codice fiscale dell’azienda  Ragione sociale azienda * (asterisco) anno di versamento e trimestre di riferimento. ES 99999999999NOMEAZIENDA*20151
L’azienda deve inoltre compilare e trasmettere al fondo la distinta contributiva che indichi gli importi versati.

Scarica le modalità operative di contribuzione per le aziende.

Che cos’è una distinta contributiva?

La distinta è uno schema predisposto dal Fondo in cui l'azienda indica per ogni aderente gli importi trimestrali suddivisi nelle voci contributive.

Come può essere presentata la distinta contributiva?

La distinta può essere compilata usando i seguenti tipi di supporto:

  • On line su Cometamatica entrando nella posizione dell'azienda
     
  • Direttamente caricando il file in formato TXT su Cometamatica utilizzando il link nella pagina principale accessibile con codice azienda e password
     
  • Scaricando il sistema CSC
     
  • Cartaceo su apposito modulo scaricabile nella sezione modulistica
Il bonifico e la distinta devono essere di uguale importo?

Si sempre, in modo che il bonifico e la distinta si possano abbinare.

Come può essere inviata la distinta contributiva?

A seconda del supporto scelto, l'azienda può inviare la distinta nei seguenti modi:

  • Direttamente su Cometamatica
     
  • Via mail all'indirizzo cometa@accenture .com
     
  • Cartaceo con Raccomandata A/R all'indirizzo Accenture Managed services - Centro Direzionale Milanofiori, Strada 4 Palazzo Q3 Piano 3– 20089 Rozzano (MI)
Cosa accade se l’azienda versa in ritardo la contribuzione?

Se i versamenti effettuati dall'azienda hanno una valuta per il Fondo Cometa successiva al 20 del mese successivo al trimestre a cui fa riferimento, l’azienda deve pagare una mora per danno collettivo.

Clicca qui per saperne di più

Cosa significa se nell’area riservata leggo il messaggio: “abbinamento tra bonifico e distinta”?

Significa che il bonifico e la distinta presentata sono di pari importo e che la distinta non presenta anomalie.

Cosa significa se nell’area riservata leggo il messaggio: “bonifico e distinta non sono abbinati”?

Significa che:

  • Gli importi del bonifico versato e della distinta presentata non coincidono al centesimo di euro; oppure
     
  • Manca la distinta di contribuzione, o è stata compilata in modo errato, o non è stata identificata; oppure
     
  • Manca il bonifico bancario, o è stata compilata in modo non conforme la causale del versamento che non lo rende riconoscibile
Cosa accade in caso di errori di versamento da parte della azienda?

Scarica le procedure da seguire per l'azienda in caso di Versamenti in eccesso o in difetto.

L’azienda, in caso di errato versamento in eccesso o in difetto può compensare il trimestre successivo?

No, mai.

Cosa deve fare l’azienda in caso di versamento in eccesso quando la distinta risulta corretta?

L'azienda deve chiedere il rimborso inviando comunicazione al Fondo via posta c/o ACCENTURE MANAGED SERVICES SPA - Centro Direzionale Milanofiori, Strada 4 palazzo Q4 – 20089 Rozzano (MI) o via fax al numero 02-6691341, indicando l'importo da rimborsare e le coordinate bancarie su cui effettuare il bonifico.

Cosa deve fare l’azienda in caso di versamento in eccesso quando anche la distinta risulta di pari importo al bonifico effettuato?

L'azienda deve chiedere il rimborso inviando comunicazione al Fondo via posta c/o ACCENTURE MANAGED SERVICES SPA - Centro Direzionale Milanofiori, Strada 4 palazzo Q4 – 20089 Rozzano (MI) o via fax al numero 02-6691341, indicando l'importo da rimborsare, le coordinate bancarie su cui effettuare il bonifico e presentando una distinta in negativo che riporti i nominativi degli aderenti per i quali è stato effettuato il versamento in eccesso e gli importi da sottrarre a ognuno di loro.

Cosa deve fare l’azienda in caso di versamento in difetto quando la distinta risulta corretta?

L'azienda deve fare un bonifico a copertura della distinta inviata.

Cosa deve fare l’azienda in caso di versamento in difetto quando anche la distinta risulta di pari importo al bonifico effettuato?

L'azienda deve fare un bonifico a saldo e inviare la distinta contributiva relativa di pari importo.

Quanti tipi di more devono essere versate a Cometa?

Sono previsti due tipi di more:

  • La mora per danno collettivo
     
  • La mora per danno individuale

Scarica le norme per il sanzionamento per morosità nelle contribuzioni

Quando l’azienda deve pagare la mora per danno collettivo?

La mora per danno collettivo si paga quando i versamenti effettuati dall'azienda hanno una data valuta per il Fondo Cometa successiva al 20 del mese successivo al trimestre a cui fa riferimento.

Perché l’azienda deve pagare la mora per danno collettivo?

È previsto il pagamento della mora per danno collettivo perché il tardato versamento di un trimestre danneggia il Fondo che deve processare una pratica di morosità.

Come si calcola la mora per danno collettivo?

L'azienda deve versare al Fondo Cometa un importo pari agli interessi di mora nella misura del tasso legale di interesse per il periodo del ritardo.

Qual è la modalità di versamento per la mora per danno collettivo?

L'importo deve essere versato su un conto corrente specifico che è il seguente:
c/c 800842100 ABI 03479 CAB 01600 - IBAN: IT 42 L 03479 01600 000800842100 intestato a Fondo Cometa presso BNP PARIBAS SECURITIES SERVICES
La causale del versamento da indicare nel bonifico è la seguente: Codice fiscale azienda, Ragione Sociale * (asterisco) MORA.

L’azienda deve presentare una distinta per mora per danno collettivo?

No, nessuna distinta.

Quando l’azienda deve pagare la mora per danno individuale?

La mora per danno individuale è dovuta nel caso in cui il ritardo nel versamento o nell'abbinamento a causa di invio tardivo o con distinta non abbinabile, superi il giorno del ricalcolo della quota che ha cadenza mensile ed è calcolato l'ultimo giorno lavorativo del mese.

Perché l’azienda deve pagare la mora per danno individuale?

È previsto il pagamento della mora per danno individuale perché il tardato versamento o abbinamento di un trimestre fa sì che vengano acquistate un numero di quote inferiore a quelle acquistate per un pagamento puntuale.

Come calcola l’azienda la mora per danno individuale?

L'azienda deve versare al Fondo Cometa un importo calcolato a cura del Fondo, applicando per ogni comparto ai contributi versati in ritardo la percentuale di incremento delle quote registrato nei singoli comparti nel periodo di tardivo versamento.

Qual è la modalità di versamento per la mora per danno individuale?

L'importo deve essere versato sul conto corrente delle contribuzioni che è il seguente:
ABI 03479 - CAB 01600 - C/C 800842200 - IBAN: IT 62 M 03479 01600 000800842200 intestato a Fondo Cometa presso BNP PARIBAS SECURITIES SERVICES.
La causale di versamento da indicare nel bonifico è la seguente: codice fiscale azienda Ragione Sociale Azienda * Protocollo Distinta di mora.

L’azienda deve presentare una distinta per la mora per danno individuale?

No, la distinta è prodotta automaticamente.

Come possono essere effettuati i versamenti per il fiscalmente a carico?

I versamenti contributivi possono essere effettuati dal lavoratore o, nel caso in cui sia maggiorenne, direttamente dal familiare fiscalmente a carico attraverso un bonifico.
Di seguito gli estremi per il pagamento:

C/Corrente intestato al Cometa, presso: BNP PARIBAS- Succursale le Italia
IBAN IT 62 M 03479 01600 000800842200.
Nel bonifico va inserita la seguente causale ”11111111111$CODICEFISCALE FAMILIARE A CARICO$, rispettando l’ordine qui indicato.
Esistono delle tempistiche da rispettare per i versamenti per l’iscritto fiscalmente a carico?

La frequenza della contribuzione in favore del familiare fiscalmente a carico è stabilita dal lavoratore.  Il familiare fiscalmente a carico può alimentare la propria posizione individuale anche mediante contributi volontari provenienti dal proprio patrimonio. Se minore o legalmente incapace, i relativi bonifici saranno effettuati a suo nome dal legale rappresentante, anche se quest’ultimo coincida con il lavoratore.