Iscriviti alla newsletter
Gli argomenti piĆ¹ ricercati

Domande e risposte

Chi può associarsi a Cometa?

Tutti i lavoratori dipendenti, assunti:

  • A tempo indeterminato
  • A tempo determinato,
  • Con contratto di apprendistato

in aziende che applicano il CCNL:

  • Dell'industria metalmeccanica e dell'istallazione di impianti,
  • Dell’industria orafa-argentiera.

I familiari  fiscalmente a carico dei lavoratori iscritti.

 

È obbligatorio iscriversi a Cometa?

No. L'adesione è libera e volontaria.

Cosa si intende per adesione esplicita e adesione tacita?

L’adesione esplicita avviene tramite la compilazione e la consegna del modulo di adesione all’azienda.
L’adesione tacita avviene nel caso in cui il lavoratore non abbia espresso, tramite la compilazione del modulo TFR2 entro sei mesi dall’assunzione, la scelta di destinazione del TFR.

Cosa si intende per aderente “tacito” o “silente”?

Gli aderenti “taciti” o “silenti” sono lavoratori che sono stati iscritti a Cometa per il meccanismo del silenzio assenso (adesione tacita). Sono soci di Cometa a tutti gli effetti, e possono decidere quando vogliono di iniziare a versare, oltre al TFR, il loro contributo individuale, avendo diritto anche a quello dell’azienda.

Come si aderisce a Cometa?

Basta compilare il modulo di adesione e consegnarlo debitamente compilato al proprio datore di lavoro, dopo aver preso visione della Nota informativa, dello Statuto del Fondo e del Progetto Esemplificativo Standardizzato.

Dove trovo il modulo di adesione?
  • Sul sito internet nella sezione Modulistica
     
  • In azienda presso l'ufficio personale
     
  • Presso le sedi delle associazioni sindacali di categoria

Prima di sottoscrivere il modulo di adesione leggi con attenzione la Nota Informativa, lo Statuto e il Progetto Esemplificativo Standardizzato presenti nella sezione “Documenti del Fondo”.
Trovi maggiori informazioni sul Fondo, i suoi vantaggi e il suo funzionamento nella sezione dedicata ai non iscritti

Di quali informazioni ho bisogno per poter compilare il modulo di adesione a Cometa?
  • Il numero della tua matricola aziendale indicato in busta paga (se assegnato)
     
  • La tua qualifica e categoria
     
  • La data della prima occupazione
Perché è necessario che il lavoratore indichi la data della sua prima occupazione?

Perché può cambiare la percentuale contributiva di TFR da destinare al Fondo.

Chi può essere definito neo occupato al 28/04/1993?

Il lavoratore che, indipendentemente dalla data di assunzione nell'azienda attuale, non abbia mai svolto un'attività come lavoratore dipendente e non sia nel pubblico sia nel privato, antecedentemente alla data del 28/04/1993.

Quali informazioni deve fornire l’azienda ad un lavoratore neo-assunto?

L'azienda ha l'obbligo di inserire nella prima busta paga del lavoratore neo-assunto la domanda di adesione del Fondo Cometa, la Nota informativa e lo Statuto del Fondo.
Tali documenti possono essere reperiti:

  • Nella sezione dedicata all’adesione per il lavoratore
     
  • Richiedendoli direttamente al Fondo Cometa via fax al n° 02/6691341.

Inoltre l’azienda deve consegnare il modulo TFR2 per la scelta di destinazione del TFR.

Dal momento dell’assunzione, il lavoratore ha sei mesi per riconsegnare all’azienda il modulo di adesione a Cometa debitamente compilato.

Nel caso in cui entro sei mesi dall’assunzione il lavoratore non abbia consegnato all’azienda nè il modulo di adesione a Cometa  nè  il modulo TFR2 con la scelta per la destinazione del Tfr, sarà automaticamente iscritto a Cometa come aderente tacito o silente.

Per maggiori informazioni sul Fondo, i suoi vantaggi e il suo funzionamento, è possibile segnalare al lavoratore  il sito www.cometafondo.it, in cui è presente una apposita sezione dedicata ai non iscritti.

Cosa deve fare una azienda che assume un lavoratore già iscritto a Cometa che intende continuare a contribuire?

L'azienda deve fare compilare al lavoratore una nuova domanda di adesione, assicurandosi che il lavoratore abbia indicato SI nella casella "di avere già una posizione aperta presso Cometa".

Cosa deve fare l’azienda quando un lavoratore manifesta la volontà di aderire a Cometa?

L'azienda deve consegnare al lavoratore la domanda di adesione del Fondo Cometa, la Nota informativa e lo Statuto del Fondo.
Tali documenti possono essere reperiti:

Se il lavoratore è un neo-assunto, la documentazione gli è stata già fornita in fase di assuzione.
Una volta che il lavoratore ha consegnato all'azienda la domanda debitamente compilata e sottoscritta, l'azienda deve:

  1. Verificare la correttezza dei dati anagrafici inseriti dal lavoratore
  2. Compilare, timbrare e sottoscrivere la parte a lei riservata
  3. Riconsegnare al lavoratore la copia a lui destinata, trattenere la copia riservata all'azienda e inviare a Cometa la sua copia.
Dove deve essere inviato il modulo di adesione?

Il modulo deve essere inviato (meglio se con raccomandata A/R) al seguente indirizzo: FONDO COMETA - VIA VITTOR PISANI, 19 – 20124 MILANO.

Un lavoratore mi ha portato il modulo di Adesione a Cometa, ma fino ad oggi nessuno dei dipendenti dell’azienda era iscritto. Cosa deve fare l’azienda?
  1. Compilare il modulo di adesione azienda e inviarlo a Cometa nelle modalità indicate
  2. Verificare la correttezza dei dati anagrafici inseriti dal lavoratore nel suo modulo di adesione
  3. Compilare, timbrare e sottoscrivere la parte riservata all’azienda del modulo di adesione del lavoratore
  4. Riconsegnare al lavoratore la copia a lui destinata, trattenere la copia riservata all'azienda e inviare a Cometa la sua copia.

Cometa invierà all’azienda lettera di benvenuto chiamata Welcome Letter, dove vengono comunicati il codice azienda e la password per poter accedere all’area riservata Cometamatica, grazie alla quale  è possibile generare le distinte contributive utili al versamento del TFR e dei contributi individuali e dell’azienda e avere sotto controllo le operazioni effettuate.

 

Chi sono i fiscalmente a carico?

Sono considerati fiscalmente a carico i figli (compresi quelli naturali, riconosciuti, gli adottivi, gli affidati e affiliati), i coniugi non legalmente ed effettivamente separati, nonché (solo se conviventi con il contribuente o se ricevono da lui un assegno alimentare non risultante da provvedimenti dell'autorità giudiziaria) i genitori (anche adottivi), gli ascendenti prossimi, i discendenti dei figli, i generi e le nuore, il coniuge separato, i suoceri, gli adottanti, i fratelli e le sorelle, che abbiano un reddito complessivo non superiore a 2.840,51 euro (al lordo degli oneri deducibili).

Come posso far aderire a Cometa un familiare a carico?

Basta compilare il modulo di adesione reperibile nell'apposita sezione del sito, compilarlo in ogni sua parte  e inviarlo a: Fondo Pensione Cometa –Via Vittor Pisani, 19 20124 Milano

Esistono delle tempistiche da rispettare per l’adesione di un familiare fiscalmente a carico?

Il fiscalmente a carico può aderire in qualsiasi momento, purchè il familiare lavoratore sia iscritto a Cometa.

Quali sono i costi per l’iscritto fiscalmente a carico?

Dalla contribuzione del soggetto fiscalmente a carico è prelevata una quota associativa a copertura delle spese amministrative nella misura e con le modalità previste per gli altri aderenti al Fondo Pensione.  Nulla è dovuto a titolo di quota d’iscrizione.

Il soggetto fiscalmente a carico può votare i delegati di assemblea del fondo e/o ricoprire cariche associative?

I soggetti fiscalmente a carico non partecipano all’elezione degli organi del Fondo, né possono ricoprire la carica di Delegato all’assemblea o di componente del Consiglio di Amministrazione o del Collegio Sindacale del Fondo.

In quale momento un fiscalmente a carico non può più considerarsi tale?

Nel caso abbia un reddito complessivo superiore a 2.840,51 euro (al lordo degli oneri deducibili) o non sia più riconducibile ad una delle seguenti figure: figli (compresi quelli naturali, riconosciuti, gli adottivi, gli affidati e affiliati), coniugi non legalmente ed effettivamente separato, nonché (solo se conviventi con il contribuente o se ricevono da lui un assegno alimentare non risultante da provvedimenti dell'autorità giudiziaria) genitori (anche adottivi), gli ascendenti prossimi, i discendenti dei figli, i generi e le nuore, il coniuge separato, i suoceri, gli adottanti, i fratelli e le sorelle.

Che cosa accade nel caso in cui un familiare perda la qualifica di fiscalmente a carico?

Se un familiare perde la qualifica di fiscalmente a carico del lavoratore aderente, quest’ultimo dovrà comunicare al Fondo tale circostanza entro quindici giorni da quando ne ha avuto percezione e non potrà più effettuare versamenti in favore dell’interessato.

Entro trenta giorni dalla comunicazione di perdita della qualifica di fiscalmente a carico effettuata da parte del lavoratore, il fiscalmente a carico dovrà comunicare al Fondo se intende continuare ad essere iscritto a Cometa. Se vorrà mantenere la propria posizione potrà continuare ad effettuare in maniera autonoma i versamenti o decidere di mantenere la posizione attiva ma non versare nulla.

Che cosa accade nel caso in cui un lavoratore che ha iscritto familiari fiscalmente a carico perda i requisiti di partecipazione al Fondo?

Nel caso in cui il lavoratore aderente perda i requisiti di partecipazione a Cometa, solo nel caso in cui conservi la propria posizione individuale presso Cometa potrà continuare a versare contributi a favore del soggetto fiscalmente a suo carico. Quest’ultimo avrà in ogni caso la facoltà di continuare a versare contributi volontari a proprio favore. Entro trenta giorni da quando è stata acclarata la perdita dei requisiti di partecipazione, dovrà essere data comunicazione al Fondo della permanenza nel fondo pensione.