Per le aziende

COMUNICAZIONI AZIENDA/ADERENTE - L’azienda è tenuta a informare il lavoratore direttamente in busta paga delle trattenute a Cometa?

Si, l'azienda deve indicare obbligatoriamente la trattenuta parte aderente e parte TFR. E' facoltativo indicare l'importo versato dall'azienda.
 

COMUNICAZIONI AZIENDA/ADERENTE - L’azienda è tenuta a informare il lavoratore dell’avvenuto abbinamento trimestrale tra bonifico e distinta?

Si, l'azienda deve indicare obbligatoriamente la trattenuta parte aderente e parte TFR. E' facoltativo indicare l'importo versato dall'azienda.

COMUNICAZIONI AZIENDA/ADERENTE - L’azienda è tenuta a informare il lavoratore dell’avvenuto versamento trimestrale dei contributi trattenuti?

Si, l'azienda ha l'obbligo contrattuale di esporre in bacheca o in luogo accessibile a tutti i dipendenti la contabile del bonifico effettuato al Fondo.

COMUNICAZIONI AZIENDA/ADERENTE - Cosa è tenuta a comunicare l’azienda al lavoratore neo – assunto?

L'azienda è tenuta a consegnare con la prima busta paga la domanda di adesione, la Nota informativa e lo Statuto del Fondo e la documentazione per tacito conferimento TFR.

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - L’azienda deve comunicare a Cometa il decesso di un dipendente associato a Cometa?

Si, compilando il modulo scaricabile nella sezione modulistica parte azienda o comunque inviando una comunicazione su carta intestata indicante i seguenti dati:
Nome Cognome e codice fiscale del lavoratore aderente
Data del decesso
Data dell'ultimo versamento che verrà o è stato effettuato per l'aderente
Eventuali periodi di sospensione per CIG, Maternità, Servizio di Leva, Distacco sindacale.
L'indirizzo presso cui inviare tale comunicazione è:
FONDO COMETA - VIA VITTOR PISANI 19 -20124 MILANO

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - L’azienda deve comunicare a Cometa il cambio di categoria giuridica per nomina dirigente di un dipendente associato a Cometa?

Si, compilando il modulo scaricabile nella sezione modulistica parte azienda o comunque inviando una comunicazione su carta intestata indicante i seguenti dati:
Nome Cognome e codice fiscale del lavoratore aderente
Data di cambio della categoria giuridica e motivo della comunicazione
Data dell'ultimo versamento che verrà o è stato effettuato per l'aderente
Eventuali periodi di sospensione per CIG, Maternità, Servizio di Leva, Distacco sindacale.
L'indirizzo presso cui inviare tale comunicazione è:
FONDO COMETA - CASELLA POSTALE 10880 -20124 MILANO

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - L’azienda deve comunicare a Cometa l’avvenuta interruzione del rapporto di lavoro di un dipendente associato a Cometa?

Si, compilando il modulo scaricabile nella sezione modulistica parte azienda o comunque inviando una comunicazione su carta intestata indicante i seguenti dati:
Nome Cognome e codice fiscale del lavoratore aderente
Data interruzione del rapporto di lavoro
Data dell'ultimo versamento che verrà o è stato effettuato per l'aderente
Eventuali periodi di sospensione per CIG, Maternità, Servizio di Leva, Distacco sindacale.
L'indirizzo presso cui inviare tale comunicazione è:
FONDO COMETA - CASELLA POSTALE 10880 -20124 MILANO

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - L’azienda deve comunicare a Cometa il cambio della ragione sociale, della Sede e variazioni ad essa relative?

Si, nei seguenti modi: Variazioni indirizzi/recapiti/ referenti Cometa possono essere modificati direttamente entrando nella posizione dell'azienda su Cometamatica oppure inviando un fax al numero 02-6691341 su carta intestata.

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - Come viene informata l’azienda sullo stato delle distinte e dei bonifici relativi alla contribuzione a Cometa?

Ogni anno, entro il 31 ottobre, Cometa effettua l'invio degli estratti conto alle aziende nei quali viene riportata lo stato delle distinte e dei bonifici effettuati dall'azienda al Fondo.

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - Cosa invia Cometa in caso di mancanza della distinta trimestrale?

Cometa invia un fax indicante il mancato invio della distinta

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - Cosa invia Cometa in caso di mancanza del bonifico trimestrale?

Cometa invia un fax indicante il mancato versamento.

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - Cosa invia Cometa quando il bonifico e la distinta si sono abbinati?

Cometa invia la notifica di avvenuto abbinamento che l'azienda ha l'obbligo di esporre in bacheca o in un luogo accessibile a tutti i lavoratori.

COMUNICAZIONI AZIENDA/COMETA - Cosa invia Cometa all’azienda all’atto dell’adesione del primo lavoratore?

Cometa invia una lettera di benvenuto chiamata Welcome Letter dove vengono comunicati il codice azienda e la password per poter accedere a Cometamatica.

INTERESSI DI MORA - L’azienda deve presentare una distinta per la mora per danno individuale?

No, la distinta è prodotta automaticamente.

INTERESSI DI MORA - Qual è la modalità di versamento per la mora per danno individuale?

L'importo deve essere versato sul conto corrente delle contribuzioni che è il seguente:
ABI 03479 - CAB 01600 - C/C 800842200 - IBAN: IT 62 M 03479 01600 000800842200 intestato a Fondo Cometa presso BNP PARIBAS SECURITIES SERVICES.
La causale di versamento da indicare nel bonifico è la seguente: codice fiscale azienda Ragione Sociale Azienda * Protocollo Distinta di mora.

INTERESSI DI MORA - Come calcola l’azienda la mora per danno individuale?

L'azienda deve versare al Fondo Cometa un importo calcolato a cura del Fondo, applicando per ogni comparto ai contributi versati in ritardo la percentuale di incremento delle quote registrato nei singoli comparti nel periodo di tardivo versamento.

INTERESSI DI MORA - Quando l’azienda deve pagare la mora per danno individuale?

La mora per danno individuale è dovuta nel caso in cui il ritardo nel versamento o nell'abbinamento a causa di invio tardivo o con distinta non abbinabile, superi il giorno del ricalcolo della quota che ha cadenza mensile ed è calcolato l'ultimo giorno lavorativo del mese.

INTERESSI DI MORA - Perché l’azienda deve pagare la mora per danno individuale?

E' previsto il pagamento della mora per danno individuale perché il tardato versamento o abbinamento di un trimestre fa sì che vengano eventualmente acquistate un numero di quote inferiore a quelle acquistate per un pagamento puntuale.

INTERESSI DI MORA - L’azienda deve presentare una distinta per mora per danno collettivo?

No, nessuna distinta.

INTERESSI DI MORA - Qual è la modalità di versamento per la mora per danno collettivo?

L'importo deve essere versato su un conto corrente specifico che è il seguente:
c/c 800842100 ABI 03479 CAB 01600 - IBAN: IT 42 L 03479 01600 000800842100 intestato a Fondo Cometa presso BNP PARIBAS SECURITIES SERVICES
La causale del versamento da indicare nel bonifico è la seguente: Codice fiscale azienda, Ragione Sociale * (asterisco) MORA.

INTERESSI DI MORA - Come si calcola la mora per danno collettivo?

L'azienda deve versare al Fondo Cometa un importo pari agli interessi di mora nella misura del tasso legale di interesse per il periodo del ritardo.

INTERESSI DI MORA - Quando l’azienda deve pagare la mora per danno collettivo?

La mora per danno collettivo si paga quando i versamenti effettuati dall'azienda hanno una data disponibilità per il Fondo Cometa successiva al 20 del mese successivo al trimestre a cui fa riferimento.

INTERESSI DI MORA - Perché l’azienda deve pagare la mora per danno collettivo?

E' previsto il pagamento della mora per danno collettivo perché il tardato versamento di un trimestre danneggia il Fondo che deve processare una pratica di morosità

INTERESSI DI MORA - Quanti tipi di more devono essere versate al Fondo?

Sono previsti due tipi di more:
- la mora per danno collettivo
- la mora per danno individuale

ABBINAMENTO - Cosa deve fare l’azienda in caso di versamento in difetto quando anche la distinta risulta di pari importo al bonifico effettuato?

L'azienda deve fare un bonifico a saldo e inviare la distinta contributiva relativa di pari importo.

ABBINAMENTO - Cosa deve fare l’azienda in caso di versamento in difetto quando la distinta risulta corretta?

L'azienda deve fare un bonifico a copertura della distinta inviata.

ABBINAMENTO - Cosa deve fare l’azienda in caso di versamento in eccesso quando anche la distinta risulta di pari importo al bonifico effettuato?

L'azienda deve chiedere il rimborso inviando comunicazione al Fondo via posta c/o ACCENTURE INSURANCE SERVICES - Centro Direzionale Milanofiori, Strada 4 – 20089 Milano o via fax al numero 02-6691341, indicando l'importo da rimborsare, le coordinate bancarie su cui effettuare il bonifico e presentando una distinta in negativo che riporti i nominativi degli aderenti per i quali è stato effettuato il versamento in eccesso e gli importi da sottrarre a ognuno di loro.

ABBINAMENTO - Cosa deve fare l’azienda in caso di versamento in eccesso quando la distinta risulta corretta?

L'azienda deve chiedere il rimborso inviando comunicazione al Fondo via posta c/o ACCENTURE INSURANCE SERVICES - Centro Direzionale Milanofiori, Strada 4 – 20089 Milano o via fax al numero 02-6691341, indicando l'importo da rimborsare e le coordinate bancarie su cui effettuare il bonifico.

ABBINAMENTO - L’azienda, in caso di errato versamento in eccesso o in difetto può compensare il trimestre successivo?

No, mai.

ABBINAMENTO - Cosa significa che il bonifico e la distinta non sono abbinati?

Significa che:
- o gli importi del bonifico versato e della distinta presentata non coincidono al centesimo di euro
- o manca la distinta di contribuzione o è stata compilata in modo errato o non è stata identificata
- o manca il bonifico bancario o è stata compilata in modo non conforme la causale del versamento che non lo rende riconoscibile

ABBINAMENTO - Cosa significa abbinamento tra bonifico e distinta

Significa che il bonifico e la distinta presentata sono di pari importo e che la distinta non presenta anomalie.

CONTRIBUTI - Come può essere inviata la distinta contributiva?

A seconda del supposto scelto, l'azienda può inviare la distinta nei seguenti modi:
- direttamente su Cometamatica
- via mail all'indirizzo cometa@accenture .com
- cartaceo o floppy con R/R all'indirizzo ACCENTURE INSURANCE SERVICES - Centro Direzionale Milanofiori, Strada 4 – 20089 Milano 

CONTRIBUTI - Come può essere presentata la distinta contributiva?

La distinta può essere compilata usando i seguenti tipi di supporto:
- On line direttamente su Cometamatica entrando nella posizione dell'azienda
- Direttamente caricando il file in formato TXT su Cometamatica utilizzando il link nella pagina principale accessibile con codice azienda e password.
- Scaricando il sistema CSC
- Cartaceo su apposito modulo (scaricabile nella sezione modulistica)
Attenzione: Dalla contribuzione relativa al terzo trimestre 2007 i file in formato excel non sono più accettati

CONTRIBUTI - Che cos’è una distinta contributiva?

La distinta è uno schema predisposto dal Fondo in cui l'azienda indica per ogni aderente gli importi trimestrali suddivisi nelle voci contributive.

CONTRIBUTI - Il bonifico e la distinta devono essere di uguale importo?

Si, sempre in modo che il bonifico e la distinta si possano abbinare.

CONTRIBUTI - Cosa deve indicare l’azienda nella causale del bonifico?

L’azienda deve indicare quanto segue:  Codice fiscale dell’azienda  Ragione sociale azienda * (asterisco) anno di versamento e trimestre di riferimento. ES 99999999999NOMEAZIENDA*20061

CONTRIBUTI - Ogni quanto tempo l’azienda versa i contributi a Cometa?

Ogni tre mesi, .(Fatto salvo quanto previsto dal D.Lgs. 252/05 per il primo semestre del 2007) entro il giorno 20 del mese successivo al trimestre cui si riferisce la contribuzione, l'azienda deve effettuare il bonifico sul seguente conto corrente intestato a Cometa
IBAN: IT62M0347901600000800842200

CONTRIBUTI - Come si calcolano i contributi in caso di Maternità?

Scarica il prospetto: Contributi in caso di maternità

CONTRIBUTI- Come si calcolano i contributi in caso di CIG?

Scarica il prospetto: Contributi in caso di cig

CONTRIBUTI - Quali sono le percentuali contributive?

Versamenti minimi a Cometa (1)

Quota minima TFR Contributo minimo lavoratore (2) Contributo datore di lavoro
Lavoratori occupati dopo il 28.04.1993 100%
1,20%
1,20%
Lavoratori già occupati al 28.04.1993 (3) 40%
1,20% 1,20%
Apprendisti assunti dopo il 01.03.2006 100%
1,50%
1,50%

  
 (1) I contributi a carico del lavoratore e del datore di lavoro sono calcolati in base al valore cumulato di minimi, contingenza, EDR, indennità di funzione quadri ed elemento retributivo per la 7^ categoria.
(2) Fermo restando il contributo minimo a carico del lavoratore per avere diritto al contributo del datore di lavoro, il lavoratore può fissare liberamente una misura maggiore di contribuzione secondo gli accordi contrattuali delle parti. La misura di contribuzione è scelta dal lavoratore al momento dell'adesione e può essere successivamente variata.
(3) I lavoratori già occupati al 28.04.1993 hanno la possibilità di versare una quota minima del 40%, o in alternativa il 100% (in caso di tacito conferimento verrà versato al Fondo il 100% del TFR maturando).

CONTRIBUTI - Quante e quali sono le quote da versare a Cometa?

Le quote versate a Cometa sono di norma:
- quota aderente direttamente prelevata dallo stipendio mensile del lavoratore;
- quota azienda, carico dell'azienda stessa;
- quota TFR
Per il lavoratore che entro il 30.06.2007 non abbia espresso, tramite sottoscrizione del modulo di adesione, la volontà di aderire alla previdenza completare, è previsto il conferimento tacito del TFR. In tal caso (aderente silente), e nei casi di scelta di non versare il proprio contributo, la partecipazione a Cometa avviene con il solo versamento del TFR maturando a partire dalla adesione.
In aggiunta alle quote con la prima contribuzione è dovuta anche la quota di iscrizione per tutti gli aderenti taciti ed espliciti e che non risultino già iscritti a Cometa secondo la seguente tabella:

QUOTA DI ISCRIZIONE

DIPENDENTE
AZIENDA
Aderente con TFR + Contributi
   €5.16
versamento aggiuntivo
   €5.16
versamento aggiuntivo
Aderente con solo TFR    €5.16
versamento aggiuntivo
   €5.16
versamento aggiuntivo
Aderente SILENTE    €5.16
versamento aggiuntivo
   €5.16
versamento aggiuntivo
Nuovo dipendente già
iscritto a Cometa
NO
NO
Dipendente già iscritto
che conferisce parte
residua di TFR
NO
NO

CONTRIBUTI - Come si contribuisce a Cometa?

L'azienda effettua trimestralmente il bonifico dei contributi trattenuti mensilmente ai lavoratori e presenta una distinta di contribuzione che specifica la suddivisione nelle voci contributive (parte aderente, parte azienda e parte TFR) per ogni aderente.

COMETAMATICA - Cosa deve fare l’azienda se smarrisce il codice e la password?

Deve inviare un fax su carta intestata al numero 02/6691341 facendone richiesta.

COMETAMATICA - L’azienda può creare diverse utenze di accesso?

Si, con limitata funzionalità secondo il livello informativo che l'azienda vuole assegnare.

COMETAMATICA - Quali sono le funzionalità di Cometamatica?

 L'azienda può:
- visualizzare, modificare, aggiornare i dai anagrafici e/o delle unità della stessa;
- visualizzare, modificare e aggiornare l'anagrafica degli aderenti;
- creare, importare e stampare le distinte contributive;
- visualizzare l'elenco dei dipendenti aderenti;
- visualizzare l'elenco e il dettaglio sia dei bonifici effettuati sia delle distinte contributive inviate;
- visualizzare in tempo reale tutte le anomalie riscontrate dal Fondo.

COMETAMATICA - Come può accedere l’azienda a Cometamatica?

 Attraverso il codice azienda e la password che sono indicati nella Welcome Letter inviata dal Fondo all'atto dell'iscrizione del primo lavoratore aderente.

COMETAMATICA - Che cos’è Cometamatica?

Cometamatica è un sistema informativo che permette una maggiore collaborazione tra azienda e Fondo per lo scambio di informazioni, per la velocizzazione delle operazioni in capo all'azienda con una verifica in tempo reale dei dati trasmessi al Fondo.

ADESIONE - Cosa deve fare l’azienda quando assume un lavoratore già iscritto a Cometa e che intende continuare a contribuire?

L'azienda deve fare compilare al lavoratore una nuova domanda di adesione, assicurandosi che il lavoratore abbia indicato SI nella casella "di avere già una posizione aperta presso Cometa".

ADESIONE - Perché è importante verificare che il lavoratore abbia indicato la prima occupazione (antecedente o successiva al 28/04/1993)?

Perché, in base a tale indicazione, il lavoratore potrebbe scegliere di versare al Fondo il 40% o il 100% del TFR maturato nell'anno. I lavoratori già occupati al 28.04.1993 hanno la possibilità di versare una quota minima del 40% o, in alternativa, il 100%.

ADESIONE - Da quando decorre l’adesione?

Fermo restando che le Parti Istitutive hanno manifestato l'intenzione di normare contrattualmente le modalità di efficacia dell'adesione si riportano le condizioni per i versamenti contributi attualmente previsti dal CCNL.
Si rammenta che : Tra le novità introdotte dalla legge finanziaria i versamenti previsti per le adesioni sottoscritte a partire dal primo gennaio 2007 verranno effettuati , anche con riferimento al periodo intercorrente tra la data di adesione e il 30 giugno 2007 a partire dal luglio 2007 , mentre tutte le adesioni sottoscritte entro il 31 dicembre 2006 indipendentemente dalla data di inizio delle contribuzioni seguiranno per quanto riguarda il versamento le regole antecedenti l'entrata in vigore del D.Lgs. 252/05.
Per i lavoratori già in forza:


Data di ricezione Inizio contribuzione (versamento)
Data di ricevimento della
domanda di adesione da parte dell'azienda
entro febbraio
entro maggio
entro agosto
entro novembre
Aprile (luglio)
Luglio (ottobre)
Ottobre (gennaio)
Gennaio (aprile)

 

Per i lavoratori neo assunti:


Consegna Inizio Contribuzione
Data di ricevimento della domanda di adesione da parte dell'azienda di un lavoratore appena assunto Può consegnare la domanda
di adesione anche nel periodo di prova
(a partire dal 1° gennaio 2007 con l'entrata in vigore del D. Lgs 252/2005)

Versamento TFR dal mese di compilazione della domanda

Contributi lavoratore e azienda dal mese successivo al mese in cui ha compilato la
domanda di adesione

Resta inteso che se il lavoratore consegna la domanda di adesione all'azienda successivamente a tali date, rientra nei casi contemplati dalla tabella precedente Lavoratori già in forza.


La quota di iscrizione di € 5,16 va conteggiata nella prima distinta utile.

ADESIONE - Dove deve essere inviato il modulo di adesione?

Il modulo deve essere inviato al seguente indirizzo: FONDO COMETA - VIA VITTOR PISANI, 19 - 20124.

ADESIONE - Cosa deve fare l’azienda quando un lavoratore manifesta la volontà di aderire a Cometa?

L'azienda metalmeccanica ha l'obbligo di inserire nella prima busta paga del lavoratore neoassunto la domanda di adesione del Fondo Cometa con la nota informativa e lo Statuto del Fondo.
L'azienda può:
1. scaricare dal sito Internet www.cometafondo.it nella sezione 252 il modulo di adesione e la Scheda informativa, nella sezione "Conosci Cometa- Normative e accordi" lo Statuto del Fondo;
2. richiedere la modulistica direttamente al Fondo Cometa via fax al n° 02/6691341.
Una volta che il lavoratore ha consegnato all'azienda la domanda debitamente compilata e sottoscritta, l'azienda deve:
- verificare la correttezza dei dati anagrafici inseriti dal lavoratore
- compilare, timbrare e sottoscrivere la parte a lei riservata
- riconsegnare al lavoratore la copia a lui destinata, trattenere la copia riservata all'azienda e inviare a Cometa la prima copia stampata
In caso di adesione tacita, senza modulo di adesione, il lavoratore silente deve essere tempestivamente informato sul suo stato di associato.

ADESIONE - Come si può aderire a Cometa?

Dal 1 gennaio 2007, tutti i nuovi assunti e coloro che ancora non hanno aderito a Cometa possono farlo con le seguenti modalità:
LAVORATORI OCCUPATI DOPO 29/04/1993
a1) adesione esplicita: entro sei mesi dalla data di prima assunzione o dalla data di entrata in vigore del decreto (30.06.2007), il lavoratore decide di conferire il 100% del TFR maturando al fondo ed eventualmente anche il suo contributo e la quota del datore di lavoro; oppure decide di non aderire ad alcuna forma pensionistica complementare e il TFR maturando viene conferito all'INPS, se l'azienda ha più di 50 dipendenti, altrimenti viene lasciato in azienda;
b1) adesione tacita (silenzio assenso): se, entro sei mesi dalla data di prima assunzione o dalla data di entrata in vigore del decreto (30.06.2007), il lavoratore non esprime alcuna scelta diventa SILENTE e il suo TFR (senza contributi aderente e azienda) viene conferito al 100% nel comparto garantito del fondo.
LAVORATORI OCCUPATI PRIMA DEL 29/04/1993
a2) adesione esplicita: entro sei mesi dall'entrata in vigore del decreto, il lavoratore può scegliere di conferire il TFR nel fondo nella misura del 100 % o del 40% ed eventualmente anche il suo contributo e la quota del datore di lavoro ;
b2) adesione tacita: se entro sei mesi il lavoratore non esprime alcuna scelta diventa SILENTE e il TFR viene conferito al fondo nel comparto garantito.
LAVORATORI GIA' ISCRITTI A COMETA OCCUPATI PRIMA DEL 29/04/1993
a3) adesione esplicita: entro sei mesi dall'entrata in vigore del decreto, il lavoratore può scegliere di conferire il residuo TFR nel fondo e nello stesso comparto in cui già versa;
b3) adesione tacita: se entro sei mesi il lavoratore non esprime alcuna scelta diventa SILENTE per la parte residua di TFR che viene conferita nel comparto garantito con la conseguenza che l'associato ha quota in due comparti per un periodo transitorio massimo di sei mesi al termine del quale se non avrà scelto in quale comparto ricongiungere la posizione la stessa sarà ricongiunta nel comparto in cui venivano investiti i contributi prima del tacito conferimento del residuo TFR.

ADESIONE - Quali lavoratori possono associarsi a Cometa?

Tutti i lavoratori dipendenti, assunti sia a tempo indeterminato sia a tempo determinato, in aziende che applicano il CCNL per l'industria metalmeccanica e per l'istallazione di impianti, nonché i lavoratori dipendenti del settore orafo-argentiero. Anche un lavoratore assunto con contratto di inserimento (ex formazione lavoro) può aderire a Cometa.